crisi delle Scienze

Ad un convegno, oggi, ho sentito presentare il XX sec. come quello caratterizzato dalla “cultura della crisi”, ‘crisi’ prima di tutto delle Scienze (naturali – esatte) che avrebbe depotenziato la realtà introducendo una vera sfiducia verso il reale attraverso, p. es., le geometrie non-euclidee, la Teoria della realtività, ecc.

In realtà mi pare che le cose stiano proprio AL CONTRARIO: il XX sec. ha costretto le Scienze (ed il sapere umano ‘consapevole’) ad AVVICINARSI alla realtà e ad AS-sumerla, invece di ‘PRE-sumerla’… come nella conoscenza ‘classica’ (o di senso comune o ‘metafisica’…).
– Il problema delle geometrie non-euclidee non è ‘loro’ ma della nuova consapevolezza che l’universo NON E’ ‘PIATTO’! Se, pertanto, l’universo è curvo, allora per ‘descriverlo’ in modo realistico occorreranno geometrie ‘curve’…
– Stessa cosa per la Relatività: se la struttura atomica e la sua ‘fisiologia’ (=convertibilità massa/energia) non ‘rispetta’ il PRINCIPIO DI NON CONTRADDIZIONE… allora è questo che dev’essere adeguatamente ridimensionato ed ADEGUATO alla REALTA’! Poiché la ‘realtà’ della struttura della materia è precedente alla nostra ‘logica’…

Nessuna ‘fisica’ è più ‘realistica’ di quella del Novecento, poiché solo questa è consapevole che le nostre sono solo ‘rappresentazioni funzionali’ e non ‘essenze universali’…

Annunci

Lascia un commento

Archiviato in pensieri di fondo

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...